Giuseppe Culicchia a proposito di "Cerniera lampo"

"Un romanzo che fa sorridere e riflettere"

Gianluca Morozzi a proposito di "Tutto quell'amore disperso"

"Un perfetto, equilibrato mix di musica di classe e donne complicate"

Renato Minore a proposito di "Se avessi previsto tutto questo"

"Una storia di forte identificazione in cui c’è sempre una partenza da affrontare, uno sradicamento nuovo che è ormai la condizione coscenziale di un’intera generazione."

giovedì 2 novembre 2017

"IL GRANDE CHIHUAHUA" SU "LA SICILIA"

Ieri, mercoledì 1 novembre, è uscito su "la Sicilia" un articolo di Mariolina Lo Bello sul romanzo mio e di Joe Schittino "Il grande chihuahua".  


IL ROMANZO UN "PO' FOLLE" DI SCHITTINO E RAIMONDI

Cosa spinge due giovani scrittori a buttarsi nel mondo della letteratura contemporanea, affollato di autori e produzioni che negli ultimi anni escono in libreria con molta più frequenza? È sempre più difficile creare qualcosa di originale, fuori dagli schemi, ma che soprattutto desti l'interesse del lettore. Luca Raimondi e Joe Schittino non si lasciano però intimorire dal mercato editoriale e hanno pensato di pubblicare un romanzo sopra le righe, un po' folle, come lo hanno definito loro stessi. «Dopo esserci ritrovati - racconta Luca Raimondi, scrittore e pedagogista classe 1977 - in occasione della riedizione di "Cerniera lampo", io e Joe Schittino abbiamo deciso di portare a compimento un'opera che giaceva imperfetta nel cassetto. "Il grande chihuahua" nasce da una revisione che è diventata una vera riscrittura in chiave rock, un urlo primordiale atto a descrivere un caso patologico in cui la malattia è più che altro un anticorpo atto a respingere una società omologata e senza prospettive. Abbiamo compiuto un folle connubio tra letteratura americana (Hunter Thompson, Salinger, Bret Easton Ellis) e nostrana (Giuseppe Berto, Tondelli e altri autori contemporanei) con ampie dosi di humour inglese alla Wodehouse (ma anche alla Stefano Benni). Nel calderone abbiamo buttato un po' di riferimenti musicali e qualche rimando di filosofia.
Abbiamo miscelato nostre personali reminiscenze - che del resto fanno parte di noi - ed è venuto fuori un frullato postmoderno spettacolare, che non vuole e non può annoiare il lettore, conducendolo sino a un finale a sorpresa che induce a rileggere e rivedere tutto dall'inizio, comprese le proprie convinzioni, come fosse un film di Shyamalan. Ognuno ha portato il proprio contributo, la personale visione delle cose che fa parte di un background culturale di ampio respiro. È proprio il libro che respira le nostre atmosfere, dall'università alle letture personali, alle musiche che hanno costellato la nostra vita. Il risultato è un romanzo immorale ma non senza morale: una risata e un po' di fantasia possono ancora salvare non dico il mondo, ma almeno qualcuno». 
Il protagonista non poteva non provenire dal mondo che appartiene agli autori, però con qualche differenza sostanziale. Giovane universitario catanese, iscritto alla facoltà di Filosofia, uccide soltanto perché si può fare. Per il gusto di farlo. E questa la motivazione principale che spinge il protagonista di questa storia, irriverente e venata di umorismo grottesco, scritta a 4 mani da Luca Raimondi e Joe Schittino. Tutto farebbe sembrare che si tratti di un ragazzo qualunque, di famiglia borghese, con un oscuro e torbido segreto: sveste i panni del giovane universitario e sceglie le proprie vittime vagando per le strade meno trafficate dei piccoli paesi limitrofi. Lo fa casualmente, senza alcuna apparente motivazione logica, sfogando in questo modo la sua follia omicida con una violenza brutale e gratuita. Non esiste alcuna legge morale, civile o religiosa che possa impedirglielo, al di là di qualsiasi idea sul bene e sul male. In sottofondo, la musica dei Beatles e al suo fianco il piccolo chihuahua Grande. L'incontro con l'intrigante Carmen F. Beretta, aspirante poetessa, incrinerà alcune delle sue certezze più profonde, spingendolo a scoprire una parte di sé che non avrebbe mai creduto potesse esistere...
MARIOLINA LO BELLO

sabato 30 settembre 2017

IL 21 OTTOBRE LA PRIMA DEL NUOVO ROMANZO "IL GRANDE CHIHUAHUA" (AUGH! EDIZIONI)

Ed eccolo qui, "Il grande chihuahua". Dopo aver festeggiato i primi vent'anni di "Cerniera lampo", ripubblicato l'anno scorso dalle Edizioni Il Foglio dopo la prima edizione del lontano 1996, io e Joe Schittino abbiamo ritrovato la voglia di collaborare e quindi ecco un romanzo inedito, sorto sulle ceneri di una bozza imperfetta e inconclusa rimasta per anni nel cassetto e che già aveva originato un mio mediometraggio semiamatoriale, "La sottrazione del tempo". Quello scheletro conteneva cose molto buone e dei riferimenti filosofici ancora e sempre attuali, su cui abbiamo posto la carne di un'opera al passo con la nostra attuale visione e concezione della letteratura. Abbiamo operato insomma una rilettura e riscrittura integrale che ha portato a un'opera del tutto nuova e diversa.
"Il grande chihuahua" uscirà a fine ottobre per la viterbese Augh! Edizioni (Gruppo editoriale Alter Ego) e il 21 sarà presentato "in casa", nei locali cioè della Mediterranea Art Gallery gestita da mio padre Raimondo. Introdurrà Mariateresa Asaro, brillante docente che fa parte della giunta della Consulta Civica di Siracusa, di cui mi onoro di essere uno dei soci fondatori e il cui ideatore e attuale Presidente è Damiano De Simone. Per l'occasione l'eclettico musicista Paolo Greco proporrà la sua musica basata sulle percussioni e su atmosfere magiche e rarefatte.



sabato 23 settembre 2017

"LO DICE IL MARE" ALLA BIBLIOTECA DI MADRID!

Il 29 settembre "Lo dice il mare", l'antologia curata da Barbara Panetta e pubblicata dalle Edizioni Il Foglio di Gordiano Lupi, approda persino a Madrid! Nella Biblioteca Eugenio Trías saranno presenti, oltre alla curatrice, Vito Candiloro, moderatore, ideatore e conduttore del Programma di Radio Frequenza Madrid; Barbara Teti, chitarrista e direttrice dell'Accademia di Musica Zarabanda e gli autori Elisabetta Bagli, Tommaso Franco e Patrizia Sorcinelli.
L'antologia contiene il mio racconto "Verso l'inverno".

martedì 18 luglio 2017

IL 25 LUGLIO "LO DICE IL MARE" ALLA PLAYA DI CATANIA

Il 25 luglio, ore 19,30, Barbara Panetta presenterà alla Playa di Catania (lido SableSablè) l'antologia "Lo dice il mare" (Il Foglio). Sarò presente anch'io in qualità di editor e di autore di uno dei racconti ("Verso L'inverno"). Il mini-tour di presentazioni proseguirà poi il 3 agosto, al Palazzo Crupi di Reggio Calabria.